L’alfabeto italiano

L’alfabeto italiano è composto da 21 lettere- 5 vocali, 15 consonanti e la lettera muta h cui vanno aggiunte le 5 lettere j,k,w,x,y che servono per trascrivere suoni di lettere straniere. Queste lettere che posssono essere scritte con caratteri maiuscoli o minuscoli, sono disposte secondo un ordine detto ordine alfabetico.

A B C D E F G H I  J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

I suoni o fonemi della lingua iataliana vengono distinti in vocali e consonanti.

Le vocali

Le vocali sono, suoni fatti di pura voce e costituiscono gli elementi base della  pronuncia, sono i suoni intorno ai quali si aggregano, per essere pronunciati, gli altri suoni.

In italiano, le vocali, o grafemi vocalici, sono cinque: a,e,i,o,u, ma i suoi suoni vocalici sono sette (a aperto, e aperto o chiuso, i chiuso, o aperto o chiuso,u chiuso).

Le consonanti sono 15. La differenza di suono che le contraddistingue l’una dalle altre è determinata dalla concorrenza di tre elementi: il modo di articolazione, il luogo di articolazione (con le labbra, con i denti, con la lingua appoggiata agli alveoli oppure al palato, oppure con la lingua ritratta); il grado di vibrazione. Esse vengono infatti classificate in :

-labiali p,b,m

-labiodentali f,v

-dentali t,d,n

-alveolari z,s,l,r

-palatali c,g,sc,gn,gl

-velari c/k,q.

Come risulta dalla classificazione, le consonanti b,d,f,l,m,n,p,r,t,v non danno luogo a nesun problema, perché in esse c’è una perfetta coincidenza tra suono e lettere.

Le lettere delle consonanti c,g,q,s,e,z invece vengono usate ciascuna per indicare diversi suoni:

Le consonati c e g infatti hanno un suono duro o gutturale davanti alle vocali a,o,u, davanti ad h o infine di parola, un suono dolce o palatale davanti alle vocali e ed i .

Le consonanti s e z , invevce hanno un suono aspro o sordo come in sole , sfera, etc, ed un suono dolce o sonoro come in rosa, mese,etc.

La lettera h, infine, che non ha alcun suono e quindi non si pronuncia viene usata solo come segno grafico:

-per indicare che le consonanti c e g hanno un suono duro anche se seguite dalle vocali e e i  ;

-per distinguere le vocali del verbo avere ho,hai,hai, hanno;

-per suggerire l’idea del prolungamento del suono di una vocale ah,oh,uh;

-per trascrivere alcune parole latine habitat,homo sapiens.

Concludiamo analizzando le cinque lettere estranee all’alfabeto italiano dette lettere straniere:

-j(i lunga) che viene pronunciata a tutti gli effetti come una i;

-k(cappa) che si pronuncia come una c dura;

-w(doppia vu)che nelle parole di origine tedesca si pronuncia come la v italiana; nelle parole di origine inglese, si pronuncia come la u;

-x(ics) che si pronuncia cs;

-y(ipsilon) che si pronuncia come la i,in alcune parole inglesi viene pronunciata ai.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>